Il Garante

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Il Garante per la protezione dei dati personali è un organo collegiale, composto da quattro membri eletti dal Parlamento, i quali rimangono in carica per un mandato di sette anni non rinnovabile.
L´attuale Collegio è stato eletto dal Parlamento (ai sensi dell´art. 153, comma 2 del Codice) il 6 giugno 2012 e si è insediato 19 giugno 2012.

Il collegio è composto dai seguenti menbri: Antonello Soro (presidente); Augusta Iannini (vice-presidente); Giovanna Bianchi Clerici (componente); Licia Califano (componente).

I Compiti del Garante sono definiti dal Regolamento (UE) 2016/679  e dal Codice in materia di protezione dei dati personali.

Sinteticamente e a puro intento divulgativo, che non ha in alcun modo la pretesa di completezza della materia, si possono indicare tra i compiti del collegio:

-

  1.   controllare che i trattamenti di dati personali siano conformi al Regolamento nonché a leggi e regolamenti nazionali e prescrivere, ove necessario, ai titolari o ai responsabili dei trattamenti le 

  2.   misure da adottare per svolgere correttamente il trattamento nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali degli individui;

  3.   collaborare con le altre autorità di controllo e prestare assistenza reciproca al fine di garantire l'applicazione e l'attuazione coerente del Regolamento;

  4.   esaminare reclami;

  5.   rivolgere ammonimenti al titolare e del trattamento o al responsabile del trattamento e ingiungere di conformare i trattamenti alle disposizioni del Regolamento (nel caso di trattamenti             che violano

  6.   le disposizioni del Regolamento); imporre una limitazione provvisoria o definitiva dl trattamento, incluso il divieto di trattamento; ordinare la rettifica, la cancellazione di dati personali o la

  7.   limitazione del trattamento; 

  8.   adottare i provvedimenti previsti dalla normativa in materia di protezione dei dati personali;

  9.   segnalare, anche di propria iniziativa, al Parlamento e altri organismi e istituzioni l’esigenza di adottare atti normativi e amministrativi relativi alle questioni riguardanti la protezione dei dati

  10.   personali;

  11.   formulare pareri su proposte di atti normativi e amministrativi;

  12.   partecipare alla discussione su iniziative normative con audizioni presso il Parlamento;

  13.   predisporre una relazione annuale sull'attività svolta e sullo stato di attuazione della normativa sulla privacy da trasmettere al Parlamento e al Governo;

  14.   partecipare alle attività dell'Unione europea ed internazionali di settore, anche in funzione di controllo e assistenza relativamente ai sistemi di informazione Europol, Schengen, VIS, e altri;

  15.   curare l'informazione e sviluppare la consapevolezza del pubblico e dei titolari del trattamento in materia di protezione dei dati personali, con particolare attenzione alla tutela dei minori;

  16.   tenere  registri interni delle violazioni più rilevanti e imporre sanzioni pecuniarie ove previsto dal Regolamento e dalla normativa nazionale;

  17.   coinvolgere, ove previsto, i cittadini e tutti i soggetti interessati con consultazioni pubbliche dei cui risultati si tiene conto per la predisposizione di provvedimenti a carattere generale.